Condividi

 

Esdra 8

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Questi sono i capi delle case patriarcali e le genealogie di quanti tornarono con me da Babilonia, durante il regno del re Artaserse.
2Dei figli di Fineas: Ghersom; dei figli d'Itamar: Daniele; dei figli di Davide: Cattus, figlio di Secania;
3dei figli di Paros: Zaccaria, e con lui furono registrati centocinquanta uomini;
4dei figli di Paat-Moab: Elioenai, figlio di Zeraia, e con lui duecento uomini;
5dei figli di Secania: il figlio di Iaaziel, e con lui trecento uomini;
6dei figli di Adin: Ebed, figlio di Ionatan, e con lui cinquanta uomini;
7dei figli di Elam: Isaia, figlio di Atalia, e con lui settanta uomini;
8dei figli di Sefatia: Zebadia, figlio di Micael, e con lui ottanta uomini;
9dei figli di Ioab: Obadia, figlio di Ieiel, e con lui duecentodiciotto uomini;
10dei figli di Selomit: il figlio di Iosifia, e con lui centosessanta uomini;
11dei figli di Bebai: Zaccaria, figlio di Bebai, e con lui ventotto uomini;
12dei figli di Azgad: Ioanan, figlio di Accatan, e con lui centodieci uomini;
13dei figli di Adonicam, gli ultimi, dei quali questi sono i nomi: Elifelet, Ieiel, Semaia, e con loro sessanta uomini;
14e dei figli di Bigvai: Utai e Zabbud, e con lui settanta uomini.
15Io li radunai presso il fiume che scorre verso Aava, e là rimanemmo accampati tre giorni; e, passato in rivista il popolo e i sacerdoti, non trovai in mezzo a loro nessun discendente di Levi.
16Allora feci chiamare i capi Eliezer, Ariel, Semaia, Elnatan, Iarib, Elnatan, Natan, Zaccaria, Mesullam, e gli istruttori Ioiarib ed Elnatan,
17e ordinai loro di andare da Iddo, il capo che era a Casifia, e suggerii loro le parole che dovevano dire a Iddo e ai suoi fratelli Netinei che erano a Casifia, perché ci conducessero dei servitori per la casa del nostro Dio.
18Siccome la benefica mano del nostro Dio era su di noi, ci condussero Serebia, uomo intelligente, dei figli di Mali, figlio di Levi, figlio d'Israele e con lui i suoi figli e i suoi fratelli, in numero di diciotto;
19Casabia, e con lui Isaia, dei figli di Merari, i suoi fratelli e i suoi figli, in numero di venti;
20e dei Netinei, che Davide e i capi avevano messo al servizio dei Leviti, duecentoventi Netinei, tutti quanti designati per nome.
21Laggiù presso il fiume Aava, proclamai un digiuno per umiliarci davanti al nostro Dio, per chiedergli un buon viaggio per noi, per i nostri bambini, e per tutto quello che ci apparteneva.
22Infatti mi vergognavo di chiedere al re una scorta armata e dei cavalieri per difenderci lungo il cammino dal nemico, poiché avevamo detto al re: «La mano del nostro Dio assiste tutti quelli che lo cercano; ma la sua potenza e la sua ira sono contro tutti quelli che l'abbandonano».
23Così digiunammo e invocammo il nostro Dio a questo scopo, ed egli ci esaudì.
24Allora separai dodici dei capi dei sacerdoti: Serebia, Casabia e dieci dei loro fratelli,
25e pesai loro l'argento, l'oro, gli utensili, che erano l'offerta fatta per la casa del nostro Dio dal re, dai suoi consiglieri, dai suoi capi, e da tutti gli Israeliti ivi residenti.
26Misi nelle loro mani seicentocinquanta talenti d'argento, degli utensili d'argento per il valore di cento talenti, cento talenti d'oro,
27venti coppe d'oro del valore di mille darici, due vasi di rame lucente finissimo, prezioso come l'oro, e dissi loro:
28«Voi siete consacrati al SIGNORE; questi utensili sono sacri, e quest'argento e quest'oro sono un'offerta volontaria fatta al SIGNORE, Dio dei vostri padri.
29Vigilate e custoditeli, fino a quando li peserete a Gerusalemme, nelle camere della casa del SIGNORE, in presenza dei capi dei sacerdoti, dei Leviti e dei capi delle famiglie d'Israele».
30I sacerdoti e i Leviti dunque ricevettero l'oro, l'argento e gli utensili, dopo essere stati pesati, per portarli a Gerusalemme nella casa del nostro Dio.
31Poi partimmo dal fiume Aava il dodicesimo giorno del primo mese per andare a Gerusalemme. La mano di Dio fu su di noi, e ci liberò dal nemico e da ogni insidia durante il viaggio.
32Arrivammo a Gerusalemme; e là, dopo esserci riposati tre giorni,
33il quarto giorno pesammo nella casa del nostro Dio l'argento, l'oro e gli utensili, che consegnammo al sacerdote Meremot figlio di Uria; con lui era Eleazar, figlio di Fineas, e con loro erano i Leviti Iozabad, figlio di Iesua, e Noadia, figlio di Binnu.
34Tutto fu contato e pesato; e nello stesso tempo si prese nota del peso totale.
35Gli esuli, tornati dall'esilio, offrirono in olocausto al Dio d'Israele dodici tori per tutto Israele, novantasei montoni, settantasette agnelli; e, come sacrificio per il peccato, dodici capri: tutto questo, in olocausto al SIGNORE.
36Poi presentarono i decreti del re ai satrapi del re e ai governatori d'oltre il fiume, e questi furono ben disposti verso il popolo e la casa di Dio.







Informazioni sul Copyright