Condividi

 

Geremia 48

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Riguardo a Moab. Così parla il SIGNORE degli eserciti, Dio d'Israele: «Guai a Nebo! poiché è devastata; Chiriataim è coperta di vergogna e conquistata; Misgab è coperta di vergogna e sbigottita.
2Il vanto di Moab non è più; in Chesbon tramano del male contro di lui: "Venite, distruggiamolo, e non sia più nazione". Tu pure, o Madmen, sarai ridotta al silenzio; la spada t'inseguirà.
3Delle grida vengono da Coronaim: "Devastazione e gran rovina!"
4Moab è infranto, i suoi piccini fanno udire i loro gridi.
5Infatti su per la salita di Luit si piange, si sale piangendo perché giù per la discesa di Coronaim si ode il grido angoscioso della gente in fuga.
6Fuggite, salvate le vostre persone, siate come la città di Aroer nel deserto!
7Infatti, siccome ti sei confidato nelle tue opere e nei tuoi tesori, anche tu sarai preso; Chemos sarà deportato con i suoi sacerdoti e con i suoi capi.
8Il devastatore verrà contro tutte le città, nessuna città scamperà; la valle perirà e la pianura sarà distrutta, come il SIGNORE ha detto.
9Date delle ali a Moab, poiché bisogna che voli via; le sue città diventeranno una desolazione, nessuno le abiterà.
10Maledetto colui che fa l'opera del SIGNORE fiaccamente, maledetto colui che trattiene la spada dallo spargere il sangue!
11Moab era tranquillo fin dalla sua giovinezza, riposava come vino sulla sua feccia, non è stato travasato da vaso a vaso, non è andato in esilio; per questo ha conservato il suo sapore, il suo profumo non si è alterato.
12Perciò ecco, i giorni vengono», dice il SIGNORE, «in cui io gli manderò dei travasatori, che lo travaseranno; vuoteranno i suoi vasi, frantumeranno le sue ànfore.
13Moab avrà vergogna di Chemos, come la casa d'Israele ha avuto vergogna di Betel, in cui aveva riposto la sua fiducia.
14Come potete dire: "Noi siamo uomini prodi, valorosi in battaglia?"
15Moab è devastato; le sue città salgono in fumo, il fiore dei suoi giovani scende al macello», dice il re, che si chiama il SIGNORE degli eserciti.
16«La calamità di Moab sta per giungere, la sua sciagura giunge veloce.
17Compiangetelo voi tutti che lo circondate; voi tutti, che conoscete il suo nome, dite: "Come ha fatto a spezzarsi quel forte scettro, quel magnifico bastone?"
18O figlia che abiti in Dibon, scendi dalla tua gloria, siedi sul suolo riarso, poiché il devastatore di Moab marcia contro di te, distrugge le tue fortezze.
19O tu che abiti in Aroer, férmati per la strada, e guarda; interroga il fuggiasco e colei che scampa, e di': "Che cos'è successo?"
20Moab è coperto di vergogna, perché è infranto; lanciate urla, gridate! annunziate sull'Arnon che Moab è devastato!
21Un castigo è venuto sul paese della pianura, sopra Colon, sopra Iaas, su Mefaat,
22su Dibon, su Nebo, su Bet-Diblataim,
23su Chiriataim, su Bet-Gamul, su Bet-Meon,
24su Cheriot, su Bosra, su tutte le città del paese di Moab vicine e lontane.
25La forza di Moab è abbattuta, il suo braccio è spezzato», dice il SIGNORE.
26«Ubriacatelo, poich'egli si è innalzato contro il SIGNORE, si rotoli Moab nel suo vomito e diventi anch'egli un oggetto di scherno!
27Israele non è forse stato per te un oggetto di scherno? Era forse stato trovato fra i ladri, che ogni volta che parli di lui tu scuoti il capo?
28Abbandonate le città e andate a sistemarvi nelle rocce, o abitanti di Moab! Siate come le colombe che fanno il loro nido sull'orlo dei precipizi.
29Noi abbiamo udito l'orgoglio di Moab, l'orgogliosissimo popolo, la sua arroganza, la sua superbia, la sua fierezza, l'alterigia del suo cuore.
30Io conosco la sua tracotanza», dice il SIGNORE; «le sue vanterie non hanno approdato a nulla di stabile.
31Perciò, io alzo un lamento su Moab, io prorompo in grida per tutto Moab; perciò si geme per quelli di Chir-Eres.
32O vigna di Sibma, io piango per te più ancora che per Iazer; i tuoi rami andavano oltre il mare, arrivavano fino al mare di Iazer; il devastatore è piombato sui tuoi frutti d'estate e sulla tua vendemmia.
33La gioia e l'esultanza sono scomparse dalla fertile campagna e dal paese di Moab; io ho fatto mancare il vino nei tini; non si pigia più l'uva con grida di gioia; il grido che si ode non è più il grido di gioia.
34Gli alti lamenti di Chesbon giungono fino a Eleale; si fanno udire fin verso Iaas; da Soar fino a Coronaim, fino a Eglat-Selisia; perfino le acque di Nimrim sono prosciugate.
35Io farò venir meno in Moab», dice il SIGNORE, «chi sale sull'alto luogo e chi offre profumi ai suoi dèi.
36Perciò il mio cuore geme per Moab come gemono i flauti, il mio cuore geme come gemono i flauti per quelli di Chir-Eres, perché tutto quello che avevano ammassato è perduto.
37Infatti tutte le teste sono rasate, tutte le barbe sono tagliate, su tutte le mani ci sono incisioni, e sacchi sui fianchi.
38Su tutti i tetti di Moab e nelle sue piazze, dappertutto, è lamento; poiché io ho frantumato Moab, come un vaso considerato di nessun valore», dice il SIGNORE.
39«Com'è stato infranto! Urlate! Come Moab ha voltato vergognosamente le spalle! Come Moab è diventato lo scherno e lo spavento di tutti quelli che gli stanno intorno!»
40Infatti così parla il SIGNORE: «Ecco, il nemico fende l'aria come l'aquila, spiega le sue ali verso Moab.
41Cheriot è presa, le fortezze sono occupate; il cuore dei prodi di Moab, in quel giorno, è come il cuore d'una donna in doglie di parto.
42Moab sarà distrutto, non sarà più popolo, perché si è innalzato contro il SIGNORE.
43Spavento, fossa, laccio ti sovrastano, o abitante di Moab!» dice il SIGNORE.
44«Chi fugge davanti allo spavento, cade nella fossa; chi risale dalla fossa, rimane preso al laccio; perché io faccio venire su di lui, su Moab, l'anno in cui dovrà render conto», dice il SIGNORE.
45«All'ombra di Chesbon i fuggiaschi si fermano, spossati; ma un fuoco esce da Chesbon, una fiamma di mezzo a Sion, che divora le tempie di Moab, la cima del capo dei figli del tumulto.
46Guai a te, Moab! Il popolo di Chemos è perduto! poiché i tuoi figli sono portati via in schiavitù, e le tue figlie in esilio.
47Ma io farò tornare Moab dalla deportazione negli ultimi giorni», dice il SIGNORE. Fin qui il giudizio su Moab.







Informazioni sul Copyright