Condividi

 

Giobbe 32

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Quei tre uomini cessarono di rispondere a Giobbe, perché egli si credeva giusto.
2Allora l'ira di Eliu, figlio di Baracheel il Buzita, della tribù di Ram, si accese.
3La sua ira si accese contro Giobbe, perché questi riteneva che la propria giustizia fosse superiore a quella di Dio; si accese anche contro i tre amici di lui perché non avevano trovato che rispondere, sebbene condannassero Giobbe.
4Ora, siccome quelli erano più anziani di lui,
5Eliu aveva aspettato a parlare a Giobbe; ma quando vide che dalla bocca di quei tre uomini non usciva più risposta, si accese d'ira.
6Eliu, figlio di Baracheel il Buzita, rispose e disse: «Io sono giovane d'età e voi siete vecchi; perciò mi sono tenuto indietro e non ho ardito esporvi il mio pensiero.
7Dicevo: "Parleranno i giorni, il gran numero degli anni insegnerà la saggezza".
8Ma quel che rende intelligente l'uomo è lo spirito, è il soffio dell'Onnipotente.
9Non quelli di lunga età sono saggi, né i vecchi sono quelli che comprendono il giusto.
10Perciò dico: "Ascoltatemi; vi esporrò anch'io il mio pensiero".
11Ecco, ho aspettato i vostri discorsi, ho ascoltato i vostri argomenti, mentre andavate cercando altre parole.
12Vi ho seguito attentamente, ed ecco, nessuno di voi ha convinto Giobbe, nessuno ha risposto alle sue parole.
13Non avete dunque ragione di dire: "Abbiamo trovato la saggezza! Dio soltanto lo farà cedere; non l'uomo!"
14Egli non ha diretto i suoi discorsi contro di me, e io non gli risponderò con le vostre parole.
15Eccoli sconcertati! Non rispondono più, non trovano più parole.
16Ho aspettato che non parlassero più, che tacessero e non rispondessero più.
17Ma ora risponderò anch'io per mio conto, esporrò anch'io il mio pensiero!
18Perché sono pieno di parole, lo spirito che è dentro di me mi stimola.
19Ecco, il mio intimo è come vino rinchiuso, è simile a otri pieni di vino nuovo, che stanno per scoppiare.
20Parlerò dunque e mi sentirò meglio, aprirò le labbra e risponderò!
21Lasciate che io parli senza riguardi personali, senza adulare nessuno;
22poiché adulare io non so; se lo facessi, il mio Creatore presto mi toglierebbe di mezzo.







Informazioni sul Copyright