Condividi

 

Luca 18

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  Westcott-Hort (Greco),

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Propose loro ancora questa parabola per mostrare che dovevano pregare sempre e non stancarsi:
2«In una certa città vi era un giudice, che non temeva Dio e non aveva rispetto per nessuno;
3e in quella città vi era una vedova, la quale andava da lui e diceva: "Rendimi giustizia sul mio avversario".
4Egli per qualche tempo non volle farlo; ma poi disse fra sé: "Benché io non tema Dio e non abbia rispetto per nessuno,
5pure, poiché questa vedova continua a importunarmi, le renderò giustizia, perché, venendo a insistere, non finisca per rompermi la testa"».
6Il Signore disse: «Ascoltate quel che dice il giudice ingiusto.
7Dio non renderà dunque giustizia ai suoi eletti che giorno e notte gridano a lui? Tarderà nei loro confronti?
8Io vi dico che renderà giustizia con prontezza. Ma quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?»
9Disse ancora questa parabola per certuni che erano persuasi di essere giusti e disprezzavano gli altri:
10«Due uomini salirono al tempio per pregare; uno era fariseo, e l'altro pubblicano.
11Il fariseo, stando in piedi, pregava così dentro di sé: "O Dio, ti ringrazio che io non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri; neppure come questo pubblicano.
12Io digiuno due volte la settimana; pago la decima su tutto quello che possiedo".
13Ma il pubblicano se ne stava a distanza e non osava neppure alzare gli occhi al cielo; ma si batteva il petto, dicendo: "O Dio, abbi pietà di me, peccatore!"
14Io vi dico che questo tornò a casa sua giustificato, piuttosto che quello; perché chiunque s'innalza sarà abbassato; ma chi si abbassa sarà innalzato».
15Portavano a Gesù anche i bambini, perché li toccasse; ma i discepoli, vedendo, li sgridavano.
16Allora Gesù li chiamò a sé e disse: «Lasciate che i bambini vengano a me, e non glielo vietate, perché il regno di Dio è per chi assomiglia a loro.
17In verità vi dico: chiunque non accoglierà il regno di Dio come un bambino, non vi entrerà affatto».
18Uno dei capi lo interrogò, dicendo: «Maestro buono, che devo fare per ereditar la vita eterna?»
19Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio.
20Tu conosci i comandamenti: Non commettere adulterio; non uccidere; non rubare; non dir falsa testimonianza; onora tuo padre e tua madre».
21Ed egli rispose: «Tutte queste cose io le ho osservate fin dalla mia gioventù».
22Gesù, udito questo, gli disse: «Una cosa ti manca ancora: vendi tutto quello che hai, e distribuiscilo ai poveri, e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi».
23Ma egli, udite queste cose, ne fu afflitto, perché era molto ricco.
24Gesù, vedendolo [così triste,] disse: «Quanto è difficile, per quelli che hanno delle ricchezze, entrare nel regno di Dio!
25Perché è più facile per un cammello passare attraverso la cruna di un ago, che per un ricco entrare nel regno di Dio».
26Quelli che udirono dissero: «Chi dunque può essere salvato?»
27Egli rispose: «Le cose impossibili agli uomini sono possibili a Dio».
28Pietro disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato le nostre cose e ti abbiamo seguito».
29Ed egli disse loro: «Vi dico in verità che non c'è nessuno che abbia lasciato casa, o moglie, o fratelli, o genitori, o figli per amor del regno di Dio,
30il quale non ne riceva molte volte tanto in questo tempo, e nell'età futura la vita eterna».
31Poi, prese con sé i dodici, e disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e saranno compiute riguardo al Figlio dell'uomo tutte le cose scritte dai profeti;
32perché egli sarà consegnato ai pagani, e sarà schernito e oltraggiato e gli sputeranno addosso;
33e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno; ma il terzo giorno risusciterà».
34Ed essi non capirono nulla di tutto questo; quel discorso era per loro oscuro, e non capivano ciò che Gesù voleva dire.
35Com'egli si avvicinava a Gerico, un cieco che sedeva presso la strada, mendicando,
36udì la folla che passava, e domandò che cosa fosse.
37Gli fecero sapere che passava Gesù il Nazareno.
38Allora egli gridò: «Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!»
39E quelli che precedevano, lo sgridavano perché tacesse; ma lui gridava più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!»
40Gesù, fermatosi, comandò che il cieco fosse condotto a lui; e, quando gli fu vicino, gli domandò:
41«Che vuoi che io ti faccia?» Egli disse: «Signore, che io ricuperi la vista».
42E Gesù gli disse: «Ricupera la vista; la tua fede ti ha salvato».
43Nello stesso momento ricuperò la vista, e lo seguiva glorificando Dio; e tutto il popolo, visto ciò, diede lode a Dio.







Informazioni sul Copyright