Condividi

 

Marco 15

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  Westcott-Hort (Greco),

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1La mattina presto, i capi dei sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, tenuto consiglio, legarono Gesù, lo portarono via e lo consegnarono a Pilato.
2Pilato gli domandò: «Sei tu il re dei Giudei?» Gesù gli rispose: «Tu lo dici».
3I capi dei sacerdoti lo accusavano di molte cose;
4e Pilato di nuovo lo interrogò dicendo: «Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!»
5Ma Gesù non rispose più nulla; e Pilato se ne meravigliava.
6Ogni festa di Pasqua Pilato liberava loro un carcerato, quello che la folla domandava.
7Vi era allora in prigione un tale, chiamato Barabba, insieme ad alcuni ribelli, i quali avevano commesso un omicidio durante una rivolta.
8La folla, dopo essere salita da Pilato, cominciò a chiedergli che facesse come sempre aveva loro fatto.
9E Pilato rispose loro: «Volete che io vi liberi il re dei Giudei?»
10Perché sapeva che i capi dei sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia.
11Ma i capi dei sacerdoti incitarono la folla a chiedere che piuttosto liberasse loro Barabba.
12Pilato si rivolse di nuovo a loro, dicendo: «Che farò dunque di colui che voi chiamate il re dei Giudei?»
13Ed essi di nuovo gridarono: «Crocifiggilo!»
14Pilato disse loro: «Ma che male ha fatto?» Ma essi gridarono più forte che mai: «Crocifiggilo!»
15Pilato, volendo soddisfare la folla, liberò loro Barabba; e consegnò Gesù, dopo averlo flagellato, perché fosse crocifisso.
16Allora i soldati lo condussero nel cortile interno, cioè dentro il pretorio, e radunarono tutta la coorte.
17Lo vestirono di porpora e, dopo aver intrecciata una corona di spine, gliela misero sul capo,
18e cominciarono a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!»
19E gli percotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, mettendosi in ginocchio, si prostravano davanti a lui.
20Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora, lo rivestirono delle sue vesti e lo condussero fuori per crocifiggerlo.
21Costrinsero a portar la croce di lui un certo Simone di Cirene, padre di Alessandro e di Rufo, che passava di là, tornando dai campi.
22E condussero Gesù al luogo detto Golgota che, tradotto, vuol dire «luogo del teschio».
23Gli diedero da bere del vino mescolato con mirra; ma non ne prese.
24Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirandole a sorte per sapere quello che ciascuno dovesse prendere.
25Era l'ora terza quando lo crocifissero.
26L'iscrizione indicante il motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei.
27Con lui crocifissero due ladroni, uno alla sua destra e l'altro alla sua sinistra.
28[E si adempì la Scrittura che dice: «Egli è stato contato fra i malfattori».]
29Quelli che passavano lì vicino lo insultavano, scotendo il capo e dicendo: «Eh, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni,
30salva te stesso e scendi giù dalla croce!»
31Allo stesso modo anche i capi dei sacerdoti con gli scribi, beffandosi, dicevano l'uno all'altro: «Ha salvato altri e non può salvare sé stesso.
32Il Cristo, il re d'Israele, scenda ora dalla croce, affinché vediamo e crediamo!» Anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano.
33Venuta l'ora sesta, si fecero tenebre su tutto il paese, fino all'ora nona.
34All'ora nona, Gesù gridò a gran voce: «Eloì, Eloì lamà sabactàni?» che, tradotto, vuol dire: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?»
35Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: «Chiama Elia!»
36Uno di loro corse e, dopo aver inzuppato d'aceto una spugna, la pose in cima a una canna e gli diede da bere, dicendo: «Aspettate, vediamo se Elia viene a farlo scendere».
37Gesù, emesso un gran grido, rese lo spirito.
38E la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo.
39E il centurione che era lì presente di fronte a Gesù, avendolo visto spirare in quel modo, disse: «Veramente, quest'uomo era Figlio di Dio!»
40Vi erano pure delle donne che guardavano da lontano. Tra di loro vi erano anche Maria Maddalena, Maria madre di Giacomo il minore e di Iose, e Salome,
41che lo seguivano e lo servivano da quando egli era in Galilea, e molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme.
42Essendo già sera (poiché era la Preparazione, cioè la vigilia del sabato),
43venne Giuseppe d'Arimatea, illustre membro del Consiglio, il quale aspettava anch'egli il regno di Dio; e, fattosi coraggio, si presentò a Pilato e domandò il corpo di Gesù.
44Pilato si meravigliò che fosse già morto; e dopo aver chiamato il centurione, gli domandò se Gesù era morto da molto tempo;
45avutane conferma dal centurione, diede il corpo a Giuseppe.
46Questi comprò un lenzuolo e, tratto Gesù giù dalla croce, lo avvolse nel panno, lo pose in una tomba scavata nella roccia; poi rotolò una pietra contro l'apertura del sepolcro.
47E Maria Maddalena e Maria, madre di Iose, stavano a guardare il luogo dov'era stato messo.







Informazioni sul Copyright