Condividi

 

Proverbi 14

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1La donna saggia costruisce la sua casa, ma la stolta l'abbatte con le proprie mani.
2Chi cammina nella rettitudine teme il SIGNORE, ma chi è traviato nelle sue vie lo disprezza.
3Nella bocca dello stolto germoglia la superbia, ma le labbra dei saggi sono la loro custodia.
4Dove mancano i buoi è vuoto il granaio, ma l'abbondanza della raccolta sta nella forza del bue.
5Il testimone fedele non mente, ma il testimone falso spaccia menzogne.
6Il beffardo cerca la saggezza e non la trova, ma per l'uomo intelligente la scienza è cosa facile.
7Vattene lontano dallo stolto; sulle sue labbra certo non hai trovato scienza.
8La saggezza dell'uomo accorto sta nel discernere la propria strada; ma la follia degli stolti non è che inganno.
9Gli insensati si burlano del peccato, ma il favore del SIGNORE sta fra gli uomini retti.
10Il cuore conosce la propria amarezza, e alla sua gioia non partecipa un estraneo.
11La casa degli empi sarà distrutta, ma la tenda degli uomini retti fiorirà.
12C'è una via che all'uomo sembra diritta, ma essa conduce alla morte.
13Anche ridendo, il cuore può essere triste; e la gioia può finire in dolore.
14Lo sviato di cuore avrà la ricompensa del suo modo di vivere, e l'uomo dabbene, quella delle opere sue.
15L'ingenuo crede a tutto quel che si dice, ma l'uomo prudente fa attenzione ai suoi passi.
16Il saggio teme, ed evita il male; ma lo stolto è arrogante e presuntuoso.
17Chi è pronto all'ira commette follie, e l'uomo pieno di malizia diventa odioso.
18Gli sciocchi ereditano stoltezza, ma i prudenti s'incoronano di scienza.
19I malvagi si inchinano davanti ai buoni, e gli empi alle porte dei giusti.
20Il povero è odiato anche dal suo compagno, ma gli amici del ricco sono molti.
21Chi disprezza il prossimo pecca, ma beato chi ha pietà dei miseri!
22Quelli che meditano il male non sono forse traviati? Ma quelli che meditano il bene trovano grazia e fedeltà.
23In ogni fatica c'è profitto, ma il chiacchierare procura la miseria.
24La corona dei saggi è la loro ricchezza, ma la follia degli stolti non è che follia.
25Il testimone veritiero salva delle persone, ma spaccia menzogne il falso testimone.
26C'è grande sicurezza nel timore del SIGNORE; egli sarà un rifugio per i figli di chi lo teme.
27Il timore del SIGNORE è fonte di vita e fa evitare le insidie della morte.
28La moltitudine del popolo è la gloria del re, ma la scarsezza dei sudditi è la rovina del principe.
29Chi è lento all'ira ha molto buon senso, ma chi è pronto ad andare in collera mostra la sua follia.
30Un cuore calmo è la vita del corpo, ma l'invidia è la carie delle ossa.
31Chi opprime il povero offende colui che l'ha fatto, ma chi ha pietà del bisognoso, lo onora.
32L'empio è travolto dalla sua sventura, ma il giusto spera anche nella morte.
33La saggezza riposa nel cuore dell'uomo intelligente, ma in mezzo agli stolti deve essere resa manifesta.
34La giustizia innalza una nazione, ma il peccato è la vergogna dei popoli.
35Il favore del re è per il servo prudente, ma la sua ira è per chi lo offende.







Informazioni sul Copyright