Condividi

 

Salmi 10

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1O SIGNORE, perché te ne stai lontano? Perché ti nascondi in tempo d'angoscia?
2L'empio nella sua superbia perseguita con furore i miseri; essi rimangono presi nelle insidie tese dai malvagi:
3poiché l'empio si gloria delle brame dell'anima sua, benedice il rapace e disprezza il SIGNORE.
4L'empio, con viso altero, dice: «Il SIGNORE non farà inchieste». Tutti i suoi pensieri sono: «Non c'è Dio!»
5Le sue vie son prospere in ogni tempo; cosa troppo alta per lui sono i tuoi giudizi; con un soffio egli disperde tutti i suoi nemici.
6Egli dice in cuor suo: «Non sarò mai smosso; d'età in età non m'accadrà male alcuno».
7La sua bocca è piena di maledizione, di frodi e di violenza; sotto la sua lingua c'è malizia e iniquità.
8Egli sta in agguato nei villaggi; uccide l'innocente in luoghi nascosti; i suoi occhi spiano il misero.
9Sta in agguato nel suo nascondiglio come un leone nella sua tana; sta in agguato per sorprendere il misero; egli sorprende lo sventurato trascinandolo nella sua rete.
10Se ne sta quatto e chino, e gli infelici soccombono alla sua forza.
11Dice in cuor suo: «Dio dimentica, nasconde la sua faccia, non vedrà mai».
12Ergiti, o SIGNORE! O Dio, alza la tua mano! Non dimenticare i miseri.
13Perché l'empio disprezza Dio? Perché dice in cuor suo: «Non ne chiederà conto?»
14Invece tu hai visto; poiché tu tieni conto della malvagità e dei soprusi per poi ripagare con la tua mano. A te si abbandona il misero; tu sei il sostegno dell'orfano.
15Spezza il braccio dell'empio e del malvagio; punisci la sua empietà, e tu non la ritrovi più.
16Il SIGNORE è re in eterno; le nazioni sono state sterminate dalla sua terra.
17O SIGNORE, tu esaudisci il desiderio degli umili; tu fortifichi il cuor loro, porgi il tuo orecchio
18per render giustizia all'orfano e all'oppresso, affinché l'uomo, che è fatto di terra, cessi d'incutere spavento.







Informazioni sul Copyright