Condividi

 

Salmi 41

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Al direttore del coro. Salmo di Davide. Beato chi ha cura del povero! Nel giorno della sventura il SIGNORE lo libererà.
2Il SIGNORE lo proteggerà e lo manterrà in vita; egli sarà felice sulla terra, e tu non lo darai in balìa dei suoi nemici.
3Il SIGNORE lo sosterrà quando sarà a letto, ammalato; tu lo consolerai nella sua malattia.
4Io ho detto: «O SIGNORE, abbi pietà di me; guarisci l'anima mia, perché ho peccato contro di te».
5I miei nemici mi augurano del male, dicendo: «Quando morrà? E quando sarà dimenticato il suo nome?»
6E se uno di loro viene a vedermi, dice menzogne; il suo cuore accumula malvagità dentro di sé; e, appena uscito, sparla.
7Tutti quelli che m'odiano bisbigliano tra loro contro di me; contro di me tramano il male.
8«È stato colpito», essi dicono, «da un male incurabile; e, ora che è steso su un letto, non si rialzerà mai più».
9Anche l'amico con il quale vivevo in pace, in cui avevo fiducia, e che mangiava il mio pane, si è schierato contro di me.
10Ma tu, o SIGNORE, abbi pietà di me e rialzami, e io renderò loro quel che si meritano.
11Così saprò che tu mi gradisci: se il mio nemico non trionferà di me.
12Tu mi sosterrai nella mia integrità e mi accoglierai alla tua presenza per sempre.
13Sia benedetto il SIGNORE, il Dio d'Israele, ora e sempre. Amen! Amen!







Informazioni sul Copyright