Condividi

 

Salmi 57

Questo capitolo in altre versioni bibliche:
La Bibbia Riveduta,  Giovanni Diodati,  Vulgate (Latino),  King James(Inglese),  

o semplicemente premere il tasto "Scegli la traduzione" per visualizzare le diverse versioni in parallelo.
VersoNuova Riveduta 1994
1Al direttore del coro. «Non distruggere». Inno di Davide, quando, perseguitato da Saul, fuggì nella spelonca. Abbi pietà di me, o Dio, abbi pietà di me, perché l'anima mia cerca rifugio in te; e all'ombra delle tue ali io mi rifugio finché sia passato il pericolo.
2Io invocherò Dio, l'Altissimo, Dio che agisce in mio favore.
3Egli manderà dal cielo a salvarmi, mentre chi vuol divorarmi m'oltraggia; [Pausa] Dio manderà la sua grazia e la sua fedeltà.
4L'anima mia è in mezzo a leoni; dimoro tra gente che vomita fiamme, in mezzo a uomini i cui denti sono lance e frecce, e la cui lingua è una spada affilata.
5Innàlzati, o Dio, al di sopra dei cieli, risplenda la tua gloria su tutta la terra!
6Essi avevano teso una rete ai miei piedi, mi avevano piegato, avevano scavato una fossa davanti a me, ma essi vi son caduti dentro. [Pausa]
7Il mio cuore è ben disposto, o Dio, il mio cuore è ben disposto; io canterò e salmeggerò.
8Dèstati, o gloria mia, destatevi, saltèrio e cetra! Io voglio risvegliare l'alba.
9Io ti celebrerò tra i popoli, o Signore, ti loderò tra le nazioni,
10perché grande fino al cielo è la tua bontà, e la tua fedeltà fino alle nuvole.
11Innàlzati, o Dio, al di sopra dei cieli, risplenda la tua gloria su tutta la terra!







Informazioni sul Copyright